Lifting endoscopico fronto-temporale Roma

  Chirurgia plastica

DEFINIZIONE

L’endoscopia consiste nell’eseguire un’operazione senza “aprire” completamente, ma semplicemente inserendo una mini-camera che permetterà di seguire su uno schermo televisivo i gesti eseguiti grazie a speciali strumenti. Questo spesso riduce al minimo il trauma chirurgico e riduce le cicatrici. In chirurgia estetica questa tecnica è efficace solo per la fronte e le tempie. È il “sollevamento endoscopico fronto-temporale”.

OBIETTIVI

L’operazione mira a correggere le disgrazie presenti a questo livello, sia ereditarie che dovute all’età, praticando solo alcune piccole incisioni, di circa 1 cm, nascoste nel cuoio capelluto. Un lifting endoscopico ha lo scopo di correggere le alterazioni della parte superiore del viso e di sostituire l’aspetto “stanco” o “severo” con un aspetto più fresco, più rilassato, con uno sguardo più aperto. Le deturpazioni più comuni sono le seguenti:

Fronte che si affetta la fronte con rughe orizzontali,
Sopracciglia affusolate con eccesso di pelle sulle palpebre superiori,
Rughe di leone tra le sopracciglia,
Piedi di corvo con la coda dell’occhio.

PRINCIPI

Il principio del lifting è quello di staccare l’intera area, indebolire i muscoli responsabili delle rughe, quindi riposizionare i tessuti e tenerli in posizione con fissaggi profondi. Un lifting endoscopico può essere eseguito da solo o combinato, se necessario, con molte procedure facciali complementari, come ad esempio :
blefaroplastica (chirurgia estetica delle palpebre), cantopessia (elevazione dell’angolo degli occhi), lifting cervico-facciale (lifting del viso e del collo), laserbrasione, peeling, iniezione di acido ialuronico o botox, ecc…
La procedura, che viene eseguita sia su uomini che su donne, può essere eseguita a partire dai 40 anni. Tuttavia, a volte viene eseguita molto prima, quando le interruzioni sono costituzionali (fattori ereditari) e non legate all’età, come ad esempio le sopracciglia inizialmente basse o alcune rughe di cipiglio precoci dovute all’iperattività muscolare.

PRIMA DELL’OPERAZIONE

Le vostre motivazioni e richieste per il lifting saranno state analizzate con il Dr. Kassab. Sarà stato fatto un attento studio dell’area interessata e del suo rapporto con il resto del volto. Verrà effettuato il consueto check-up preoperatorio. L’anestesista sarà consultato al più tardi 48 ore prima dell’operazione. Nessun farmaco contenente aspirina deve essere assunto per 10 giorni prima dell’operazione.

Il lavaggio dei capelli sarà effettuato il giorno prima dell’operazione e un’accurata rimozione del trucco il giorno dell’operazione. È essenziale digiunare (non mangiare o bere nulla) per 6 ore prima dell’operazione.

TIPO DI ANESTESIA

Il lifting può essere eseguito in anestesia generale o in anestesia locale. La scelta tra queste diverse tecniche sarà il risultato di una discussione tra voi, l’anestesista e il dottor Kassab.

MODALITÀ DI RICOVERO
L’operazione può essere eseguita “ambulatorialmente”, cioè con la dimissione in giornata dopo alcune ore di controllo. Tuttavia, in alcuni casi, può essere preferibile una breve degenza in ospedale. In questo caso, l’ammissione è al mattino (o a volte il giorno prima nel pomeriggio) e la dimissione è autorizzata il giorno successivo.

L’INTERVENTO

Ogni chirurgo adotta una tecnica a lui specifica e che si adatta ad ogni caso per ottenere i migliori risultati.
Tuttavia, ci sono alcuni principi fondamentali comuni:

Incisioni cutanee: sono comprese tra i 5 e i 10 mm, sono da tre a cinque in numero, e sono posizionate nel cuoio capelluto, pochi centimetri dietro l’attaccatura della fronte. Uno di essi permetterà il passaggio dell’endoscopio collegato ad una mini videocamera, gli altri permetteranno il passaggio dei diversi strumenti specificamente adattati a questa chirurgia endoscopica.
La disposizione di queste incisioni corrisponde naturalmente alla posizione delle future cicatrici, che saranno quindi quasi invisibili in quanto molto corte e nascoste nei capelli.
Sollevamento: tutta la fronte e le tempie sono sollevate fino alle arcate sopraccigliari e alla radice del naso. A volte, questo distacco continuerà fino agli zigomi e alla parte superiore delle guance.
Indebolimento muscolare: i muscoli della zona vengono poi indeboliti per trattare le rughe di cui sono responsabili: muscolo frontale per le rughe orizzontali, muscoli inter-crowbar per le rughe di espressione. A seconda dei casi, possono essere eseguite anche altre azioni specifiche.
Riavvolgimento: i tessuti staccati verranno ritensionati per poter dispiegare le zampe di gallina, alzare le sopracciglia ed eliminare il cedimento della fronte. Saranno mantenute in buona posizione da profonde fissazioni, la cui natura varia a seconda del chirurgo.
Suture: le piccole incisioni sono chiuse, spesso con graffette cutanee facili da rimuovere.

A seconda del chirurgo, dell’entità dei miglioramenti da apportare e dell’eventuale necessità di ulteriori procedure, l’operazione può durare da 45 a 90 minuti.
DOPO L’OPERAZIONE: EFFETTI DELL’OPERAZIONE

Non c’è un vero dolore, ma forse un certo disagio con una sensazione di tensione sulla fronte, sulle tempie e sulle palpebre.
Durante i primi giorni, è necessario riposare ed evitare ogni sforzo violento. Il periodo postoperatorio è essenzialmente caratterizzato dalla comparsa di edema (gonfiore) ed ecchimosi, la cui estensione e durata variano molto da un individuo all’altro.

La medicazione sarà rimossa tra il 1° e il 3° giorno. Le graffette vengono rimosse tra il 5° e il 15° giorno.
Lo stigma dell’operazione diminuirà gradualmente, permettendo il ritorno a una normale vita socio-professionale dopo pochi giorni (da 5 a 20 giorni a seconda dell’entità degli effetti collaterali). Una certa insensibilità della fronte, eventualmente un certo prurito al cranio, può essere osservata durante le prime settimane. Scompariranno gradualmente.

IL RISULTATO

Per valutare il risultato finale è necessario un periodo da 3 a 6 mesi. Questo è il tempo necessario per riassorbire l’intero edema e per far sì che i tessuti riacquistino la loro elasticità.

Nella maggior parte dei casi, l’operazione avrà permesso di ottenere un effetto ringiovanente sulla parte superiore del viso, con un’eliminazione della fronte cascante, un sollevamento delle sopracciglia, un ritensionamento delle palpebre superiori, una levigatura delle rughe delle zampe di gallina, e una chiara attenuazione delle rughe della fronte e delle intercristallie. I risultati sono variabili e più o meno importanti a seconda dei casi, e sono generalmente di lunga durata.

POSSIBILI INCONVENIENTI

Possono derivare da un’incomprensione su ciò che ci si può ragionevolmente aspettare. Questo è il caso delle rughe che possono essere chiaramente ridotte senza scomparire completamente, o dell’eccesso di pelle sulle palpebre superiori che non viene corretto da questa procedura e può richiedere un’ulteriore escissione al loro livello per perfezionare il risultato.
Possono anche verificarsi a causa di reazioni tissutali inaspettate o di fenomeni cicatriziali insoliti. Per esempio, il gonfiore può persistere per alcuni mesi, o può apparire una piccola asimmetria nel posizionamento delle sopracciglia, o una ricorrenza di certe rughe intersociliari. Queste imperfezioni, se sono mal supportate, possono essere eventualmente corrette con un piccolo “ritocco” che di solito viene fatto in semplice anestesia locale a partire dal 6° mese dopo l’operazione.

POSSIBILI COMPLICAZIONI

Un lifting endoscopico fronto-temporale, anche se eseguito per motivi estetici, è comunque una vera e propria procedura chirurgica, che implica i rischi associati a qualsiasi procedura medica, per quanto minimi possano essere. Occorre distinguere tra le complicanze legate all’anestesia e quelle legate all’intervento chirurgico.
Per quanto riguarda l’anestesia, durante il consulto il medico anestesista informerà il paziente stesso dei rischi dell’anestesia.

Ematomi: il più delle volte non gravi, possono giustificare l’evacuazione se sono troppo importanti.
Infezione: eccezionale quando l’operazione viene eseguita in condizioni asettiche normali.
Complicazioni come la guarigione anomala, la necrosi cutanea o l’alopecia localizzata (perdita di capelli) sono più rare e soprattutto molto più discrete che in un classico lifting fronto-temporale a causa delle dimensioni limitate delle incisioni. Possono essere transitorie o richiedere un ritocco successivo.
Lesioni nervose: a volte possono colpire alcuni rami sensibili e possono quindi essere responsabili di una certa insensibilità e di un prurito alla fronte o al cuoio capelluto che alla fine si placa dopo qualche mese. La paralisi del ramo frontale del motore è molto più rara ed è fortunatamente solo temporanea nella maggior parte dei casi descritti.
L’alopecia localizzata (temporale) può persistere per 3-6 mesi. A volte, in assenza di ricrescita spontanea, la chirurgia può essere utile. È legata ad una sofferenza dei follicoli piliferi.

Disturbi della sensibilità: un’ipoestesia dell’area operata è normale per 3-6 mesi. Alcuni disturbi, formicolii e irritazioni possono durare più a lungo ed essere oggetto di cure mediche.

Se la maggior parte delle volte le conseguenze sono semplici, può sempre verificarsi una complicazione. È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO MANTENERE LA COMUNICAZIONE E MANTENERE I CONTATTI CON IL CHIRURGO. Avendo discusso in anticipo questa eventualità, permette di capire meglio e di convivere con essa quando accade.
L’utilizzo di un chirurgo plastico qualificato garantisce la formazione e la competenza necessarie per sapere come limitare il rischio di queste complicazioni e per trattarle efficacemente quando si verificano. Quindi, poiché l’operatore e il paziente hanno un obiettivo comune, un “ritocco” può essere utile, una decisione presa di comune accordo durante un follow-up che deve essere regolare ed efficace. Questo passo fondamentale della fiducia permetterà al chirurgo di farsi carico degli imponderabili e di curare questa complicazione. Il vostro chirurgo desidera fornire la migliore supervisione e le migliori informazioni possibili, IN ORDINAZIONE PER AIUTARVI A VIVERE QUESTA GESTIONE CHIRURGICA GRATUITA NEL MIGLIORE MODO POSSIBILE.

LEAVE A COMMENT

*

code